Blog » Diario » Buon Natale e tanta serenità e gioia anche a voi….

Buon Natale e tanta serenità e gioia anche a voi….

buon-natale
Stamattina passeggiavo tranquilla verso la piazza. Il lungo Naviglio calmo e silenzioso, col solo rumore flebile dell’acqua che passa e il sole caldo, che mi batteva sulle spalle, illuminando la strada. Il castello, in tutto il suo splendore, la chiesa con la cupola brillante per il sole, il parco e i giardini tutti intorno… uno spettacolo della natura. E’ in occasioni così che capisco perchè amo questi luoghi.
Guardo la bianca brina sull’erba mentre il freddo mi pervade e punge le mie guance facendole apparire di un rosso sano, diverso dal grigiore milanese.
E vedo tutto.Lo so che per chi è abituato, per chi si è sempre svegliato ogni mattina riuscendo a leggere l’ora dall’orologio appeso al muro, senza nessun minimo sforzo, tutto questo è incomprensibile.
Ma io vedo. E non per modo di dire. Ci vedo davvero e bene.

E’ un vero miracolo.

Ieri camminavo verso il mio studio a Milano. Svolto a destra e mi trovo nella lunga via soperga. Guardo distrattamente davanti a me e in fondo, al termine della lunga via, vedo un palazzo. E vedo le finestre. Dettagliatamente.
E come una scema, mi commuovo e mi ritrovo a piangere mentre cammino, con un sorriso da ebete sulla faccia.

E’ un vero miracolo.

Al pomeriggio vado dal dott. Buratto. Una visita completa e mi dice “può anche dormire senza coppettine sugli occhi e farsi una bella doccia, senza occhialini da piscina. Stia solo attenta perchè lo shampo negli occhi brucia più del solito!” e sorride. “Va tutto bene, ma si deve ancora stabilizzare”, mi dice.
“Dal sinistro ci vedo benissimo, vivido, definito, come mai avevo visto prima nemmeno con lentine od occhiali. Il destro è come con le correzioni. Leggermente annebbiato, ma comunque vedo tutto e insieme si compensano perfettamente. Ma arriverò a 10/10 allora? potrò vedere dal destro come dal sinistro?”, chiedo. Mi guarda, sorride e mi fa “Ma lei arriva già perfettamente a 10/10! A dire il vero è ancora ipermetropizzata e quindi ci vede pure di più. La definizione migliorerà nei prossimi giorni, man mano che l’occhio guarisce. E ci vedrà benissimo anche dal destro”

Resto basita con lo stesso sorriso da ebete sul viso.
“A me bastava già ampiamente così”, rispondo. “Non speravo ci avrei potuto vedere pure meglio!”
Esco di li raggiante, facendo i gradini della metro a 3 alla volta dalla contentezza. E’ da giorni ormai che sono felice…  da 4 ore dopo l’intervento, quando guardando mio papà gli ho detto “Io ti vedo”…

Voi non potete rendervi conto.Mi ritrovo in bagno a guardarmi il viso allo specchio. Cerco il brufoletto da eccesso di cioccolata… Guardo e mi accorgo che mi sto “vedendo”… e un’emozione fortissima mi pervade il cuore e lo stomaco. Nessun regalo può essere tanto grande. Nessun Natale tanto bello.
Sono felice e ora non c’è più nulla che vorrei, che io non abbia già. Sono serena e contenta.
Sono la persona più fortunata del mondo e tale, ora, mi sento fortemente ed è davvero un Buon Natale.
Auguri a tutti!

Commenti