Blog » Diario » La gente è proprio strana!

La gente è proprio strana!

Condominio
La gente è strana. Ma proprio strana tanto.
L’altro giorno torno a casa, entro dal portone e trovo il portinaio seduto che mi blinda e mi fa “se ti vede quello del primo piano che vai in giro con sto vestito scollato, vedi che faccia fa!
Resto un po’ basita e guardo perplessa il mio vestitino di lino marrone, lungo fino al ginocchio e con una scollatura media, comprato alla upim nei saldi dell’anno scorso. Se qualcuno si scandalizza per questo siamo spacciati!
Eh, è un egiziano! E’ arrivato da una settimana. Ha tre bambini che fanno un gran casino e li molla in cortile per poter trombare con la moglie“, incalza.
Resto sempre più basita. “Eh sì… la moglie poi… c’ha il burka“.
I miei vicini non erano già abbastanza strani. Pure questa mi ci mancava: anche la tizia imburkata!
Proseguo nel cortile, salutandolo e incontro i miei vicini, anche loro egiziani (però senza burka). Mi raccontano una storia assurda sulla ex di lui che vive nell’appartamento di mezzo tra me e loro e che darebbe della zoccola a lei che è la nuova fidanzata. Ma io dico, anche lui, che fantasia! Con tutti gli appartamenti che c’erano a Milano, quando l’ha mollata, non poteva affittarsi un appartamento in un’altra casa al posto che a fianco a lei sullo stesso pianerottolo?! Mah, la gente è proprio strana.Mentre salgo in ascensare mi fa “ah senti, magari tu lo sai visto che sei psicologa. Mio papà c’ha una roba…” e la fidanzata incalza “ha l’alzheimer!!“.
Lo guardo e gli dico candidamente che non mi occupo di quel disturbo e ne so davvero poco. E lei continua “Lasciala stare poverina! Lei non sa! Lei è doctora en psicologia!” Aahahhahah, mi ci mancava pure il sentirmi chiamare “doctora”
Riesco finalmente ad entrare in casa, relax. E dopo mezz’oretta mi tocca uscire e tornare in studio.
Mentre attraverso il cortile, vedo i bambini del primo piano, i figli della neo-arrivata col burka, che son chiusi fuori sul balcone e per divertimento, innaffiano con l’acqua i passanti!
Vabeh, questa poi! Li fulmino con lo sguardo, cacciando un “no” secchissimo. Si terrorizzano e si ritraggono tutti e tre timorosi.
Ma si rende conto che annaffiano i passanti?”, dico sconcertata al portinaio. “Cioè… son chiusi fuori sul balcone!
E lui candidamente “eh vabeh, si vede che i genitori han capito che in cortile non potevano stare. Oggi per poco uno scappava fuori in strada. E uno nemmeno cammina… gattona ancora! E per divertimento mi buttan giù le cartacce in cortile
Vabeh, la gente è proprio tanto strana.

Torno a casa alla sera, stremata. Mi metto al pc, zero voglia, ma mi tocca scrivere i casi clinici per l’esame. Alle 23.30, mentre sono nel pieno della concentrazione, coi crampi a schiena e collo dopo ore davanti al pc, esplode la musica. Discoteca pura a massimo volume.
Vado nella mia cucina e sento la tizia del piano di sopra che salta, urla e lancia oggetti non meglio identificati mentre balla con altra gente e canta, a finestre aperte e musica a tutto volume. Resto basita. Ma son le 23.30 cazzo! Apro la finestra e vedo la fila di vicini che piano piano compaiono sui balconi e dal più timido “sssshhh”, si passa a veri e propri insulti. Misteriosamente, non si sa come, dopo un’oretta finisce tutto. Di colpo.
La gente non è strana, è pazza. E il problema è che per questo, non mi pagano!
Ho bisogno di vacanza, in questo marasma di gente che impazzisce, fa cose strane, comportamenti pittoreschi del caldo di fine luglio. Waiting for Vietnam!

Commenti